REGIONE TRENTO (Prov.) L.P. n. 8, 10-09-2003

DISPOSIZIONI PER L'ATTUAZIONE DELLE POLITICHE A FAVORE DELLE PERSONE IN SITUAZIONE DI HANDICAP

BUR della Regione Trentino Alto Adige n. 38 del 28 settembre 2003


IL CONSIGLIO PROVINCIALE

ha approvato

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

promulga

la seguente legge

[...]

Capo III

Altre disposizioni


ARTICOLO 10

Modificazione dell'articolo 26 della legge provinciale 12 luglio 1991, n. 14 (Ordinamento dei servizi socio-assistenziali in provincia di Trento)


1. All'articolo 26 della legge provinciale 12 luglio 1991, n. 14, dopo il comma 3 sono aggiunti i seguenti:

3 bis. Il servizio di aiuto personale, nell'ambito degli interventi di assistenza domiciliare, può avvalersi dell'opera aggiuntiva di:

a) coloro che hanno ottenuto il riconoscimento dell'obiezione di coscienza ai sensi della normativa vigente, che ne facciano richiesta, e coloro che prestano servizio civile ai sensi della legge 6 marzo 2001, n. 64 (Istituzione del servizio civile nazionale);

b) cittadini di età superiore ai diciotto anni che facciano richiesta di prestare attività di volontariato;

c) organizzazioni di volontariato;

d) organizzazioni o persone che effettuano servizio di interpretariato per sordi.


3 ter. Le persone indicate dal comma 3 bis devono avere una formazione specifica.


3 quater. Alle persone di cui alla lettera b) del comma 3 bis si applica la disciplina sui rimborsi spesa dettata dall'articolo 2, comma 2, della legge 11 agosto 1991, n. 266 (Legge-quadro sul volontariato), nonché dall'articolo 2, commi 1 e 2, della legge provinciale 13 febbraio 1992, n. 8 (Valorizzazione e riconoscimento del volontariato sociale)."



TP