REGIONE TRENTO (Prov.) L.P. n. 1, 19-02-2002

MISURE COLLEGATE CON LA MANOVRA DI FINANZA PUBBLICA PER L'ANNO 2002

BUR della Regione Trentino Alto Adige n.9 del 26 febbraio 2002

Supplemento n. 2


Testo modificato da:

L.R. Trento (Prov.) n. 7 del 2002, art. 51


IL CONSIGLIO PROVINCIALE

ha approvato

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA PROVINCIALE

Promulga

la seguente legge

[...]

Capo XXVII

Disposizioni in materia di assistenza

[...]

ARTICOLO 89

Modificazioni della legge provinciale 13 febbraio 1992, n. 8 (Valorizzazione e riconoscimento del volontariato sociale)

1. Nell'articolo 3 della legge provinciale 13 febbraio 1992, n. 8, come modificato dall'articolo 76 della legge provinciale 11 settembre 1998, n. 10, il comma 1 è sostituito dal seguente:

"1. La Provincia istituisce e tiene aggiornato l'albo delle organizzazioni di volontariato; l'albo si articola in due sezioni:

a) per le organizzazioni che hanno come scopi sociali esclusivamente quelli volti alla promozione e alla tutela della salute, alla prevenzione e alla rimozione della marginalità e del disagio sociale;

b) per le organizzazioni che perseguono esclusivamente scopi di solidarietà sociale non compresi in quelli di cui alla lettera a)."


2. Dopo l'articolo 3 della legge provinciale 13 febbraio 1992, n.

8 è inserito il seguente:

"Art. 3 bis Registro delle associazioni di promozione sociale

1. In attuazione dell'articolo 7, comma 4, della legge 7 dicembre 2000, n. 383 (Disciplina delle associazioni di promozione sociale) la Provincia istituisce e tiene aggiornato il registro delle associazioni di promozione sociale.

2. Entro novanta giorni dall'entrata in vigore di quest'articolo la Giunta provinciale, sentita la commissione di cui all'articolo 7, fissa i termini e stabilisce le modalità di iscrizione al registro.

3. Di ogni iscrizione è data comunicazione al comune nel cui territorio ha sede l'associazione.

4. Per quanto non previsto da quest'articolo, alle associazioni di promozione sociale si applicano le disposizioni della legge n. 383 del 2000."


3. L'articolo 5 della legge provinciale 13 febbraio 1992, n. 8, come modificato dall'articolo 10 della legge provinciale 29 aprile 1993, n. 14, è sostituito dal seguente:

"Art. 5 Interventi a favore del volontariato

1. Per il conseguimento degli scopi di questa legge la Provincia e i comuni promuovono e agevolano l'apporto del volontariato organizzato mediante la stipula di apposite convenzioni con le organizzazioni di volontariato iscritte da almeno sei mesi all'albo di cui all'articolo 3. Limitatamente alle organizzazioni iscritte alla sezione a) dell'albo da almeno sei mesi possono essere stipulate convenzioni ai sensi dall'articolo 6, per realizzare iniziative e attività non disciplinate dalla legislazione provinciale.

2. La Provincia rimborsa, nei limiti stabiliti dalla Giunta provinciale, gli oneri finanziari sostenuti dalle organizzazioni di volontariato per l'assicurazione obbligatoria dei propri aderenti che prestino attività di volontariato contro gli infortuni e le malattie connesse allo svolgimento dell'attività di volontariato, nonché per la responsabilità civile verso terzi, ai sensi dell'articolo 4 della legge 11 agosto 1991, n. 266 (Legge-quadro sul volontariato). Il rimborso degli oneri previsti dal presente comma è escluso qualora sia già stato concesso sulla base di altre leggi provinciali.

3. Nei limiti stabiliti dalla Giunta provinciale la Provincia rimborsa le quote di adesione, comprensive degli oneri assicurativi, versate dalle sezioni locali a favore delle organizzazioni nazionali."

4. Dopo l'articolo 10 della legge provinciale 13 febbraio 1992, n. 8 è inserito il seguente:

"Art. 10 bis Servizio civile

1. Il Presidente della Giunta provinciale è autorizzato a stipulare con l'ufficio nazionale per il servizio civile un protocollo d'intesa ai sensi dell'articolo 8 del decreto del Presidente della Repubblica 28 luglio 1999, n. 352 (Regolamento recante norme concernenti l'organizzazione e il funzionamento dell'Ufficio nazionale per il servizio civile, ai sensi dell'articolo 8, comma 3, della L. 8 luglio 1998, n. 230).

2. Per il coordinamento fra il servizio pubblico, gli enti convenzionati e i soggetti interessati all'obiezione di coscienza la Provincia costituisce un'apposita struttura."


5. Entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore di questa legge la Provincia, sentita la commissione di cui all'articolo 7 della legge provinciale n. 8 del 1992, come modificato dall'articolo 7 della legge provinciale 12 febbraio 1996, n. 3, riclassifica le organizzazioni già iscritte all'albo.


6. Alla copertura degli oneri derivanti dall'applicazione del comma 3 si provvede secondo le modalità indicate nell'allegata tabella B.


7. Alla copertura degli oneri derivanti dall'applicazione del comma 4 si provvede secondo le modalità indicate nell'allegata tabella C.



TP