REGIONE TRENTINO ALTO ADIGE L.R. n. 15, 14-08-1967

MODIFICHE ED INTEGRAZIONI ALLE LEGGI REGIONALI 6 APRILE 1956, N. 5 E 19 SETTEMBRE 1963, N. 28, SULLA COMPOSIZIONE ED ELEZIONE DEGLI ORGANI DELLE AMMINISTRAZIONI COMUNALI

BUR n. 35 del 15 agosto 1967


Il Consiglio Regionale ha approvato

Il Presidente della Giunta Regionale

promulga la seguente legge


TITOLO I

Modifiche ed integrazioni alla legge regionale 6 aprile 1956, n. 5

[...]

ARTICOLO 7

Nel primo comma dell'articolo 18 della legge regionale 6 aprile 1956, n. 5, vengono apportate le seguenti modificazioni:

- il numero 1 è sostituito con il seguente:

<< 1) gli ecclesiastici ed i ministri di culto che hanno giurisdizione e cura di anime, coloro che fanno ordinariamente le veci ed i membri dei capitoli e delle collegiate >>;

- il numero 2 è sostituito con il seguente:

<< 2) i funzionari e gli impiegati dello Stato, che hanno compiti di vigilanza sui Comuni, nonché quelli della Regione e delle Province assegnati ad uffici o servizi che richiedono esercizio di funzioni di vigilanza o di controllo nei riguardi dei Comuni >>;

- il numero 3 è sostituito con il seguente:

<< 3) coloro che ricevono uno stipendio o salario dal Comune o da enti, istituti o aziende dipendenti, sovvenzionati in modo continuativo o sottoposti a vigilanza del Comune stesso, nonchè gli amministratori di tali enti, istituti o aziende >>;

- il numero 6 è sostituito con il seguente:

<< 6) coloro i quali, direttamente o indirettamente, hanno parte in servizi, esazioni di diritti, somministrazioni ed appalti nell'interesse del Comune per un valore superiore, nell'anno, al 5 per cento delle spese correnti del relativo bilancio comunale >>;

- è inserito il nuovo numero 6 bis con il seguente testo:

<< 6 bis) coloro i quali hanno parte in società o imprese aventi scopo di lucro, sovvenzionate in modo continuativo dal Comune per un valore superiore, nell'anno, al 5 per cento delle spese correnti del relativo bilancio comunale >>;

- il numero 7 è sostituito con il seguente:

<< 7) gli amministratori del Comune, degli enti, istituti o aziende dipendenti, sovvenzionati in modo continuativo o sottoposti a vigilanza del Comune stesso, dichiarati responsabili in via amministrativa o in via giudiziaria >>.

Fra il primo ed il secondo comma dell'articolo 18 della legge regionale 6 aprile 1956, n. 5, è inserito il seguente nuovo comma:

<< Le cause di ineleggibilità previste per gli amministratori di cui al numero 3) del precedente comma, non hanno effetto se gli interessati hanno provveduto, entro l' ultimo giorno utile per il deposito delle candidature, alla formale presentazione delle dimissioni dalla carica rivestita >>.



TP