REGIONE ABRUZZO L. R. n. 65, 9-05-1990


INTEGRAZIONE DELLA LEGGE REGIONALE Nº20 DEL 2 APRILE 1985, RECANTE << NORME DI SALVAGUARDIA DEI DIRITTI DELL' UTENTE DEI SERVIZI DELLE UULLSSSS >>


BUR ABRUZZO n. 17 del 20 giugno 1990




Legge modificata da:

L. R. Abruzzo n. 89 del 1991


ARTICOLO 1


(Finalità )


La Regione Abruzzo, al fine di garantire i diritti attribuiti agli utenti del servizio sanitario dalla Legge Regionale n. 20 del 2 aprile 1985, istituisce, in ogni Unità Locale Socio - Sanitaria, una Commissione Conciliativa con il compiti di dirimere le controversie insorte tra utenti ed operatori in ordine alla violazione dei diritti stessi.



ARTICOLO 2


(Composizione della CC)


La Commissione Conciliativa è composta da un esperto nel campo giuridico - amministrativo, che la presiede, nominato dal Presidente della Giunta Regionale, da un componente del Comitato di gestione della Unità Locale Socio Sanitaria, da tre cittadini utenti del servizio sanitario regionale e da tre operatori dipendenti della Unità Locale Socio Sanitaria.

I componenti rappresentativi degli utenti e degli operatori dipendenti dalla Unità Locale Socio Sanitaria sono scelto per estrazione a sorte tra i nominativi inclusi in distinti elenchi, tenuti presso la sede della Unità Locale Socio Sanitaria.

Tali elenchi sono aperti a tutti i cittadini, maggiori di età , che ne richiedono l' iscrizione.

L'incarico di Presidente e di componente della Commissione Conciliativa è gratuito.


ARTICOLO 3


(Costituzione e funzionamento della CC)


La Commissione Conciliativa, nominata dal Presidente della Giunta Regionale, dura in carica un anno e designa un proprio componente con funzioni di segretario verbalizzante.

La Commissione Conciliativa si riunisce di norma ogni mese ed esamina, in contraddittorio fra le parti interessate, i casi che vengono ad essa sottoposti. Della discussione del caso viene redatto apposito verbale che non deve contenere giudizi di valutazione.

La Commissione Conciliativa può richiedere tutte le informazioni necessarie per i suoi accertamenti.

I dipendenti della Unità Locale Socio – Sanitaria hanno il dovere di intervenire, allorchè convocati, alle riunioni della Commissione Conciliativa.

Della ingiustificata inottemperanza a tale dovere è data pubblica notizia mediante affissione all' albo della Unita Locale Socio Sanitaria.


ARTICOLO 4


(Poteri di verifica)


La Regione Abruzzo, al fine di verificare l' avvenuto rispetto dei diritti del cittadino - utente del servizio sanitario, previsti dalla Legge Regionale n. 20 del 2 aprile 1985, può avvalersi della collaborazione di Organizzazioni, Comitati o Associazioni, che operino in ambito regionale nel campo della tutela dei diritti del cittadino.

A tal fine la Giunta Regionale può stipulare convenzioni con i predetti organismi sia per indagini su specifici argomenti, sia per accertamenti necessari all' attività programmatica regionale.


ARTICOLO 5


(Urgenza)


La presente legge è dichiarata urgente ed entra in vigore il giorno successivo a quello della sua pubblicazione nel Bollettino Ufficiale della Regione.


FB