REGIONE CALABRIA L. R. n. 41, 23-12-1996


PROVVIDENZE IN FAVORE DELLE POPOLAZIONI DI CROTONE COLPITE DALLE CALAMITÀ NATURALI NEL MESE DI OTTOBRE 1996.


BUR n. 154 del 27 dicembre 1996




Legge modificata da:

L. R. Calabria n. 14 del 1999, art. 4

L. R. Calabria n. 10 del 1998, art. 37




ARTICOLO 1


1. Ad integrazione degli interventi di cui al decreto legge 12 novembre 1996, n. 576, recante: << Interventi urgenti a favore delle zone colpite dagli eventi calamitosi dei mesi di giugno e ottobre 1996 è autorizzata la spesa:

a) di lire 1.500.000.000 per concedere contributi a fondo perduto in favore dei nuclei familiari colpiti da lutti o rimasti anche temporaneamente senza tetto in conseguenza delle calamità naturali del mese di ottobre 1996, ed in favore dei capi famiglia che abbiano perduto vestiario o biancheria o mobili o autovetture o suppellettili dell' abitazione in conseguenza delle stesse calamità ;

b) di lire 500.000.000 per concedere contributi alle Parrocchie (SS Salvatore, San Paolo, Sant' Antonio, Santa Maria Madre della Chiesa e San Luca) o alle Associazioni riconosciute e senza scopo di lucro e che operino nelle zone colpite dalle calamità (Fondo Gesù , Tufolo, Poggio Pudano, Farina e Largo Santo Antonio) per il ripristino di strutture adibite a servizi socio - assistenziali o per la costruzione di piccole infrastrutture per il tempo libero o per l' acquisto di attrezzature per rendere fruibili strutture esistenti;

c) di lire 3.000.000.000 per favorire la ripresa produttiva e la salvaguardia dei livelli occupazionali, nelle piccole e medie imprese artigiane, pescherecce, commerciali, turistiche, industriali e agricole rimaste danneggiate negli impianti, nelle attrezzature e nella produzione in conseguenza delle calamità di cui ai commi precedenti.


ARTICOLO 2


1. L' individuazione delle Aziende colpite e delle famiglie disastrate, l' accertamento dei danni, l' istruttoria delle domande e la concessione dei contributi, saranno effettuati dagli Assessorati competenti con la collaborazione degli ordini professionali e sulla base della documentazione fornita dal Comune e dalla Prefettura. Per la liquidazione delle provvidenze di cui all' articolo 1 della presente legge si fa ricorso alle procedure previste dal decreto legge n. 576 del 12 novembre 1996 e dalla relativa Ordinanza Ministeriale.

2. La Giunta regionale entro venti giorni dalla pubblicazione della presente legge stabilirà criteri modalità e tempi per la ripartizione dei contributi.


ARTICOLO 3


1. All' onere derivante dalla presente legge, valutato per l' anno 1996 in lire 5.000.000.000, si provvede con la disponibilità esistente sul capitolo 7001201 << Fondo occorrente per far fronte agli oneri derivanti da provvedimenti legislativi che si perfezioneranno dopo l' approvazione del bilancio, recanti spese per investimenti attinenti alle funzioni normali (elenco n. 3) >> dello stato di previsione della spesa del bilancio per l' anno 1996, che viene ridotto di pari importo.

2. La predetta disponibilità di bilancio è utilizzata nell' esercizio in corso, ponendo la competenza della spesa a carico del capitolo 2141222 che si istituisce nello stato di previsione della spesa per l' esercizio 19096 con la denominazione << Spese per interventi in favore delle popolazioni di Crotone e Provincia colpite dalle calamità naturali nel mese di ottobre 1996 >> e lo stanziamento, in termini di competenza e di cassa, di lire 5.000.000.000.


FB