REGIONE CALABRIA L. R. n. 13, 10-04-1995


AGENZIE DI VIAGGIO.


BUR n. 40 del 14 aprile 1995





Legge abrogata da:

L. R. Calabria n.14 del 1999, art. 33


Legge modificata da:

L. R. Calabria n. 8 del 2003, art. 30

[...]


ARTICOLO 3


Attività delle agenzie di viaggio e turismo


1. Le agenzie di viaggio e turismo svolgono, in via esclusiva, congiuntamente o disgiuntamente, le seguenti attività :

a) organizzazione e produzione di soggiorni, viaggi e crociere per via terrestre, fluviale, lacuale, marittima ed aerea, per singole persone o per gruppi con o senza vendita diretta;

b) intermediazione nelle vendite dirette al pubblico di soggiorni, viaggi e crociere, organizzate da altre agenzie oppure di uno o più servizi separati che permettono di effettuare un viaggio o soggiorno;

2. Le agenzie di viaggio e turismo possono essere autorizzate a svolgere anche le operazioni concernenti:

a) prenotazione di posti, emissione e vendita di biglietti, anche a mezzo di apparecchiature meccaniche o elettroniche per conto di imprese italiane o straniere, esercenti attività di trasporto ferroviario, automobilistico, marittimo ed aereo;

b) assistenza alla clientela, mediante l' attività di accoglienza, trasferimento ed accompagnamento da e per porti,

aeroporti e stazioni, nonchè l' orientamento e l' informazioneanche di tipo culturale, geografico, tecnico;

c) organizzazione di escursioni e visite di città ;

d) prenotazione ed emissione di propri ordinativi per servizi ricettivi, di ristorazione e turistici in genere, rilasciato di lettere di credito e buoni di scambio utilizzabili in Italia e all' estero;

e) informazioni e pubblicità di iniziativa turistiche anche organizzate da altre imprese;

f) raccolta di adesioni a viaggi e crociere anche organizzate da altre imprese regolarmente autorizzate.


ARTICOLO 4


Attività complementari


1. Le agenzie di viaggio e turismo possono, altresì , svolgere le seguenti operazioni in quanto connesse all' esercizio professionale delle attività indicate nell' articolo precedente:

a) assistenza per il rilascio di passaporti e visti consolari;

b) inoltro, ritiro e deposito di bagagli per conto e nell'interesse dei propri clienti;

c) prenotazione di autovetture di noleggio e di altri mezzi di trasporto individuale o collettivo;

d) emissione e pagamento di assegni turistici, assegni circolari o altri titoli di credito per viaggiatori, nonchè cambio di valuta;

e) operazioni di emissione, in nome e per conto di imprese di assicurazione, di polizze a garanzia di infortuni a viaggiatori e di danni a cose trasportate;

f) distribuzione e vendita di pubblicazioni relative al turismo;

g) prenotazione e vendita di biglietti per spettacoli ed altre manifestazioni;

h) ogni altra attività concernenti le prestazioni di servizi turistici.

2. Le attività di cui al presente articolo possono essere svolte dalle agenzie di viaggio nel rispetto delle leggi che specificatamente le regolano.


[...]

ARTICOLO 19


Redazione dei programmi di viaggio


1. I programmi, indirizzati al pubblico, concernenti viaggi o crociere, con o senza prestazioni relative al soggiorno, organizzati da agenzie di viaggio e turismo operanti sul territorio della Regione Calabria devono contenere, ai fini della loro pubblicazione o diffusione in qualsiasi forma, le seguenti indicazioni:

a) data di svolgimento del viaggio e della crociera;

b) durata. Quando la durata del soggiorno è espressa in giorni, deve risultare esplicitamente dal programma anche il numero dei pernottamenti compresi nel periodo;

c) prezzo globale corrispondente a tutti i servizi previsti ed eventuale acconto da versare all' atto dell' iscrizione;

d) qualità e quantità dei servizi forniti con particolare riferimento ai mezzi di trasporto, categoria degli alberghi, numero dei pasti, visite guidate;

e) termini per le iscrizioni;

f) termini e condizioni per le rinunce;

g) condizioni di annullamento del viaggio da parte delle agenzie di viaggio e turismo con esplicito riferimento alle disposizioni di cui all' art. 10 della Convenzione internazionale relativa ai contratti di viaggio (CCV) del 23/ 4/ 1970, ratificata con legge 27 novembre 1977, n. 1084;

h) gli estremi della garanzia assicurativa di cui al successivo art. 21;

i) itinerario e destinazione.

2. Gli inserti pubblicitari, annunci, manifesti e simili, devono far richiamo per il dettaglio ai programmi formulati in conformità del comma precedente. Il riferimento ai programmi medesimi deve essere citato nei documenti di viaggio, quando previsti.

3. Qualora il documento di viaggio non sia previsto, il programma costituisce l' elemento di riferimento della promessa di servizi, ai fini dell' accertamento dell' esatto adempimento.

In caso di inadempienza alle prescrizioni di cui al presente articolo, la Giunta regionale, su proposta dell' assessore al turismo, può procedere alla sospensione ed infine alla revoca dell' autorizzazione all' esercizio dell' attività .


[...]

ARTICOLO 21


Garanzia assicurativa


1. Le agenzie di viaggio e turismo sono tenute a stipulare polizze assicurative di responsabilità civile a garanzia dell' esatto adempimento degli obblighi assunti verso i clienti con il contratto di viaggio ed in relazione al costo complessivo dei servizi, nell' osservanza delle disposizioni previste in materia della convenzione internazionale relativa ai contratti di viaggio (CCV) dalla direttiva della Comunità Europea numero 90/ 314.

2. In caso di inosservanza dell' obbligo di cui al comma precedente, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire 1.000.000 a lire 3.000.000.

3. Le sanzioni sono raddoppiate in caso di recidiva.

4. Nel caso di ulteriori, ripetuti inadempimenti, la Giunta regionale, su proposta dell' assessore al turismo, può procedere alla sospensione dell' autorizzazione all' esercizio dell' attività .


ARTICOLO 22


Associazioni senza scopo di lucro


1. Le associazioni senza scopo di lucro che operano a livello nazionale per finalità ricreative, culturali, religiose o sociali, sono autorizzate ad esercitare, sul territorio regionale, esclusivamente per i propri associati, le attività di cui agli articoli 3 e 4 della presente legge, senza l'osservanza delle norme in questa contenute.

2. Per quanto disposto nel precedente comma, le associazioni ivi indicate, devono dimostrare di possedere i seguenti requisiti:

a) assenza di qualunque forma di lucro nell' esercizio delle attività desumibile dai bilanci sociali, nonchè di qualunque controllo da parte di soggetti ed organismi esercenti attività imprenditoriale;

b) fruizione dei servizi di cui al primo comma del presente articolo solo da parte degli associati;

c) finalizzazione esclusiva dell' attività allo sviluppo sociale, morale e culturale della personalità degli associati.

3. Le associazioni di cui al primo comma del presente articolo, ai fini dell' esercizio delle attività nello stesso indicate, devono trasmettere all' assessorato regionale al turismo copia dell' atto costitutivo e dello statuto.

4. Le associazioni medesime, prima di realizzare ogni singola iniziativa, devono inviare all' assessorato regionale al turismo copia del programma relativo, con l' indicazione degli elementi di cui all' art. 19 della presente legge e con la dicitura che trattasi di iniziativa riservata esclusivamente agli associati.

5. Le associazioni in ogni caso, devono osservare le prescrizioni di cui all' art. 21 in materia di garanzia assicurativa a tutela dei fruitori.

6. Per la partecipazione dei soggiorni, ai viaggi e alle crociere di cui al presente articolo, l' iscrizione alla associazione organizzatrice, in qualità di socio, deve essere di data anteriore a quella dell' effettuazione dei soggiorni, dei viaggi e delle crociere.

7. I sodalizi e le associazioni possono organizzare ed effettuare, senza scopo di lucro e senza carattere di professionalità , previa autorizzazione della Giunta regionale, gite occasionali, riservate esclusivamente ai propri associati o appartenenti, che non abbiano durata superiore a tre giorni, viaggio compreso.

8. Nel caso di esercizio dell' attività senza l' osservanza della prescrizione di cui al 3 comma del presente articolo, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma di lire 1.000.000 a lire 3.000.000.

9. Nel caso di omesso invio all' assessorato regionale al turismo del programma di viaggio di cui al 4 comma del presente articolo, e nel caso di infrazione alla prescrizione in materia di garanzia assicurativa, si applica la sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire 1.000.000 a lire 2.000.000.

10. L' inosservanza del disposto contenuto nel settimo comma del presente articolo, comporta l' applicazione della sanzione amministrativa del pagamento di una somma da lire 1.000.000 a lire 2.000.000. Tali sanzioni sono raddoppiate in caso di recidiva.


[...]







FB