REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA L.R. n. 30, 24-07-1986

MODIFICHE E INTEGRAZIONI DI LEGGI REGIONALI OPERANTI NEL SETTORE DEI BENI CULTURALI. NUOVI INTERVENTI

A FAVORE DELL'EDILIZIA BIBLIOTECARIA E MUSEALE

BUR n. 74 del 24 luglio 1986


Il Consiglio Regionale ha approvato

Il Presidente della Giunta Regionale

promulga la seguente legge


CAPO I

Organi collegiali consultivi per le biblioteche e per i musei

[...]

ARTICOLO 2

Il Comitato regionale per le biblioteche è così composto:

1) dall'Assessore regionale all'istruzione, alla formazione professionale, alle attività e beni culturali, quale Presidente;

2) dal Direttore del Servizio dei beni culturali, quale Vicepresidente;

3) dai Direttori delle biblioteche comunali dei capoluoghi di provincia (per la provincia di Gorizia,

dal Direttore della Biblioteca Statale Isontina);

4) da tre rappresentanti dei sistemi bibliotecari territoriali esistenti in regione, scelti dall'Assessore regionale all'istruzione, alla formazione professionale, alle attività e beni culturali, in modo da garantire nel tempo un'opportuna rotazione dei medesimi;

5) da un rappresentante della << Narodna in Studijska Knjiznica - Biblioteca Nazionale Slovena e degli Studi >> di Trieste;

6) dal Soprintendente per i beni archivistici del Friuli - Venezia Giulia o da un suo delegato;

7) da un rappresentante dell'Università degli Studi di Trieste, designato dalla Facoltà di Lettere e Filosofia, tra i docenti di biblioteconomia, paleografia e diplomatica o materia affine;

8) da un rappresentante dell'Università degli Studi di Udine, designato dalla Facoltà di Lettere e Filosofia, tra i docenti del corso di laurea in conservazione dei beni culturali a indirizzo archivistico e librario;

9) da un rappresentante dell'Associazione Italiana Biblioteche - sezione del Friuli - Venezia Giulia.

10) da un rappresentante delle Biblioteche ecclesiastiche.

Le funzioni di segretario sono svolte da un impiegato della Direzione regionale dell'istruzione, della formazione professionale, delle attività e beni culturali.


ARTICOLO 3

Il Comitato regionale per i musei è così composto:

1) dall'Assessore regionale all'istruzione, alla formazione professionale, alle attività e beni culturali,

quale Presidente;

2) dal Direttore del Servizio dei beni culturali, quale Vicepresidente;

3) dai Direttori dei musei pubblici di storia e arte dei capoluoghi di provincia (Musei Provinciali di Gorizia, Civico Museo di Storia e Arte di Pordenone, Civici Musei e Gallerie d' Arte Antica e Moderna di Udine, Civici Musei di Storia e Arte e Civico Museo << P. Revoltella >> di Trieste) o dai Conservatori ad essi preposti;

4) dai Direttori dei Civici Musei di Storia Naturale dei capoluoghi di provincia o dai Conservatori ad essi preposti;

5) da un rappresentante dei musei archeologici, da un rappresentante dei musei ecclesiastici e da un rappresentante dei musei etnografici, scelti dall'Assessore regionale all'istruzione, alla formazione professionale, alle attività e beni culturali, in modo da garantire nel tempo un'opportuna rotazione dei medesimi;

6) dal Soprintendente per i beni ambientali e architettonici, archeologici, artistici e storici del Friuli - Venezia Giulia o da un suo delegato;

7) dal Soprintendente per i beni archivistici del Friuli - Venezia Giulia o da un suo delegato;

8) da un rappresentante dell'Università degli Studi di Trieste, designato dal Consiglio della Facoltà di Lettere e Filosofia, tra i docenti di storia dell'arte, museologia o materia affine;

9) da un rappresentante dell'Università degli Studi di Udine, designato dal Consiglio della Facoltà di Lettere e Filosofia, tra i docenti del corso di laurea in conservazione dei beni culturali.

Le funzioni di segretario sono svolte da un impiegato della Direzione regionale dell'istruzione, della formazione professionale, delle attività e beni culturali.


TP