REGIONE FRIULI-VENEZIA GIULIA L.R. n. 39, 30-05-1988

DISCIPLINA DELLE STRUTTURE RICETTIVE TURISTICHE NELLA REGIONE FRIULI - VENEZIA GIULIA

BUR n. 69 del 31 maggio 1988


Il Consiglio Regionale ha approvato

Il Presidente della Giunta Regionale

promulga la seguente legge

[...]

TITOLO II

Strutture ricettive all'aria aperta

[...]

ARTICOLO 13


1. I campeggi mobili, costituiti da strutture poggiate sul terreno o comunque completamente rimovibili, organizzati per un periodo di tempo non superiore a venti giorni, da associazioni senza scopo di lucro e con finalità ricreative, culturali, religiose o sociali, sono soggetti ad autorizzazione comunale, previo accertamento dei requisiti igienico sanitari, delle norme esistenti a tutela dell'ambiente e della pubblica incolumità e di quelle riguardanti la pubblica sicurezza.


TITOLO III

Strutture ricettive a carattere sociale


ARTICOLO 15

1. Sono strutture ricettive a carattere sociale gli alberghi per la gioventù, le case per ferie, le foresterie, i centri per soggiorni sociali.


2. Gli alberghi per la gioventù sono strutture attrezzate per ospitare, senza finalità di lucro, giovani

turisti in transito e loro accompagnatori.


3. Le case per ferie sono strutture attrezzate per il soggiorno di persone o gruppi gestite, al di fuori di normali canali commerciali, da enti pubblici, associazioni o enti religiosi operanti senza fine di lucro per il conseguimento di finalità sociali, culturali, assistenziali, religiose o sportive, nonché da enti o aziende per il soggiorno dei propri dipendenti o loro familiari.


4. Le foresterie sono strutture attrezzate presso sedi di enti pubblici, associazioni o imprese o presso impianti di natura turistico - sportiva, per ospitare occasionalmente e senza fine di lucro, soci, dipendenti o partecipanti alle attività svolte presso le stesse sedi o impianti.


5. I centri per soggiorni sociali sono strutture idonee ad ospitare, in locali attrezzati per il pernottamento con criteri diversi da quelli alberghieri, gruppi di persone per soggiorni a tariffe agevolate non inferiori a cinque giorni. Tali centri possono soltanto essere gestiti da associazioni senza scopo di lucro, che operano a livello nazionale per finalità ricreative, culturali, religiose e sociali, esclusivamente per i propri associati.


TP