REGIONE LOMBARDIA - ARCIDIOCESI DI MILANO

CONVENZIONE TRA LA REGIONE LOMBARDIA E L’ARCIDIOCESI DI MILANO PER IL COMPLETAMENTO DELL’INVENTARIO DEI BENI CULTURALI DI PROPRIETÀ DI ENTI ECCLESIASTICI NELL’AMBITO DELLA DIOCESI DI MILANO

30 DICEMBRE 1993


Premesso


che la Regione Lombardia allo scopo di promuovere la catalogazione, l’inventariazione e la riproduzione fotografica dei beni culturali esistenti in Lombardia, con deliberazione n. 46530 del 30/12/ 1993 esecutiva, ha approvato e finanziato, ai sensi dell’art. 12 della L.R. 39/74, il progetto di completamento dell’inventario dei beni artistici e storici di proprietà di Enti ecclesiastici nell’ambito della Diocesi di Milano (allegato S della delibera citata - Catalogazione dei beni culturali ecclesiastici).


Premesso


altresì che tale progetto e` stato concordato dall’Arcidiocesi di Milano con il Servizio Musei e beni culturali nel quadro della realizzazione del Sistema informativo regionale sui beni culturali e che tale progetto e` un modello di riferimento per le altre Diocesi lombarde.


Tutto ciò premesso l’anno... il giorno... del mese di ... negli uffici della Giunta Regionale della Lombardia siti in P.zza IV Novembre, 5 - Milano tra la Giunta Regionale della Lombardia, rappresentata dall’Assessore alla Cultura..., ai sensi del D.P.R.L. n. 61035 del 15/ 6/1994, domiciliato per la carica in P.zza IV Novembre, 5 - Milano ... e l’Arcidiocesi di Milano in persona del suo Procuratore ..., domiciliato per la carica in Milano, piazza Fontana 2, si stipula e si conviene quanto segue:


1. L’Arcidiocesi di Milano in persona del suo Procuratore si impegna a realizzare il progetto di completamento dell’inventario dei beni artistici e storici di proprietà di Enti ecclesiastici nell’ambito della Diocesi di Milano, così come formulato nel progetto approvato e finanziato con D.G.R. n. 46530 del 30/12/1993 esecutiva.

Il progetto di inventario prevede la redazione di n. ... schede di inventario dal costo cadauna di £. ... e di ... fotografie dal costo unitario di £ relative ai beni culturali di proprietà delle parrocchie della zona di Milano già individuate nella succitata deliberazione. Tali schede verranno fornite secondo le caratteristiche e le metodologie precisate nel progetto di cui al comma precedente.

Eventuali modifiche o integrazioni del progetto che si rendessero necessarie nel corso dello svolgimento del lavoro saranno concordate tra le parti senza che con ciò risulti aumentato il costo dello stesso.


2. La Giunta Regionale si impegna ad erogare all’Arcidiocesi di Milano la somma di £ ... per la realizzazione del progetto di cui alla presente convenzione e a collaborare, attraverso il Settore Cultura e Informazione Servizio Musei e Beni Culturali, alla sua gestione. La somma stanziata verra` erogata all’Arcidiocesi di Milano al 50% dopo la sottoscrizione della presente convenzione tra l’Arcidiocesi e la Regione e la restante quota del 50% alla conclusione del progetto, entro due anni dalla data di approvazione della deliberazione n. 46530 del 30/12/1993, e dopo la verifica dei risultati ottenuti attuata dal Servizio Musei e BB.CC. e dal Comitato regionale per i musei di cui all’art. n. 18 della L.R. n. 39/74.


3. L’Arcidiocesi di Milano si impegna a realizzare il progetto di cui all’art. 1 nei tempi e secondo le modalità stabilite da questa convenzione nonché a concordarne l’utilizzazione e la valorizzazione.


4. Il progetto sarà completato entro due anni a partire dalla data di approvazione della deliberazione n. 46530 del 30/12/1993.


5. La Giunta Regionale ha facoltà di prorogare a domanda il predetto termine per motivi di riconosciuta necessita`; tale proroga

non potrà in nessun caso costituire motivo di richieste di maggiori compensi oltre a quelli indicati nell’art. 3, compensi che devono considerarsi fissi e immutabili, anche per le eventualità di particolari difficoltà o di forza maggiore. La proroga stessa non potrà superare la durata di giorni 270.


6. A conclusione del lavoro l’Arcidiocesi di Milano presenterà una relazione conclusiva sul risultato finale che verra` sottoposta alla valutazione del Servizio Musei e BB.CC. e del Comitato regionale per i musei di cui all’art. 18 della L.R. 39/74.


7. In caso di valutazione di non rispondenza dei risultati agli obiettivi previsti la Regione provvederà alla revoca delle somme assegnate. La Regione potrà eventualmente richiedere che l’Arcidiocesi di Milano esegua a proprie spese i lavori che valgano a completare o a rendere idoneo il lavoro, assegnando all’uopo un congruo termine.


8. L’Arcidiocesi di Milano si obbliga alle condizioni e ai termini indicati negli artt. precedenti, dichiara di ritenersi completamente soddisfatta con la somma di £..., complessiva di tutte le spese da sostenere in relazione a quanto previsto nella presente convenzione e dichiara di non aver null’altro da esigere.


9. La Regione Lombardia non assume obbligo alcuno nei confronti dell’Arcidiocesi di Milano per le spese che questa dovesse affrontare e sostenere in eccedenza alle somme di cui all’art. 3. La Regione Lombardia e` inoltre esonerata da ogni obbligo e responsabilità conseguente ai rapporti di lavoro che venissero instaurati dall’Arcidiocesi di Milano e a danno di terzi in dipendenza dalle attività espletate in relazione alla presente convenzione.


10. I prodotti risultanti dalla realizzazione del progetto in questione sono di proprietà della Regione Lombardia e dell’Arcidiocesi di Milano che ne decidono concordemente le forme di utilizzo e le eventuali modifiche. I dati acquisiti entreranno a far parte del Sistema informativo regionale sui beni culturali secondo modalità concordate dalle parti mediante apposite convenzioni.


11. Tutte le controversie che potessero sorgere in merito alla presente convenzione tra la Regione Lombardia e l’Arcidiocesi di Milano che non sia possibile definire in via amichevole, saranno deferite ad un collegio arbitrale costituito da tre membri, di cui uno nominato dal Presidente del Tribunale di Milano e gli altri due nominati rispettivamente dalla Regione Lombardia e dall’Arcidiocesi di Milano. Il collegio giudicherà secondo regole di diritto e la sentenza non sarà soggetta ne´ ad appello ne´ a cassazione. Le spese per la costituzione ed il finanziamento del collegio arbitrale saranno anticipate dalla parte richiedente il giudizio arbitrale e graveranno definitivamente sulla parte soccombente.


12. Saranno a carico dell’Arcidiocesi di Milano le spese di carta legale nonché tutte le imposte e tasse, nessuna esclusa, nascenti dalla presente convenzione in base alle disposizioni di leggi vigenti.


13. La presente convenzione è redatta in tre esemplari in bollo dei quali uno per la Regione Lombardia, uno per l’Arcidiocesi di Milano, uno da servire ai fini della relativa registrazione.


TP