REGIONE LOMBARDIA L.R. n. 73, 07-06-1985

MODIFICHE ALL'ARTICOLO 22 DELLA LEGGE REGIONALE 15 APRILE 1975 N. 51 (STANDARD URBANISTICI)

BUR n. 24 del 12 giugno 1985

Supplemento Ordinario n. 1, 12 giugno 1985


Legge abrogata da:

L.R. Lombardia n. 15 del 2002


IL CONSIGLIO REGIONALE

ha approvato

IL COMMISSARIO DEL GOVERNO

ha apposto il visto

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

promulga

la seguente Legge Regionale


ARTICOLO 1

1. All'articolo 22, paragrafo 1, della L. R. 15 aprile 1975 n. 51 è aggiunto, dopo la lettera d), il seguente comma: << Ai fini del computo dello standard per parcheggi, si tiene conto della sommatoria delle superfici lorde di pavimento, realizzate con tipologia multipiano sia fuori terra che in sottosuolo. Al medesimo fine possono altresì essere computati i parcheggi realizzati su aree pubbliche, costruiti anche in diritto di superficie costituito a favore di terzi, previa stipulazione di apposita convenzione nella quale devono essere stabilite: la durata, le modalità della gestione, anche ai fini di sicurezza, nonché le opere di arredo urbano da eseguire in superficie, sulla base di criteri di qualità che tengano conto dell'ambiente nel quale si inserisce il singolo intervento. >>.


2. Prima dell'ultimo comma del paragrafo 1) dell'art.22 della L. R. 15 aprile 1975, n. 51, inserire la seguente formulazione: << Nei Comuni che alla data di adozione del PRG non abbiano una popolazione superiore ai 4.000 abitanti, qualora sia prevista l' individuazione di un modulo funzionale di servizi di cui al comma successivo e non presentino alcuna delle seguenti caratteristiche:

a) addetti totali all'industria manifatturiera inferiori a 1.000 unità :

b) superficie territoriale a destinazione industriale di nuova previsione del PRG in misura superiore a 5 ha;

c) nuove stanze previste dal PRG in misura superiore al 20% del patrimonio edilizio esistente;

d) capacità ricettiva turistica, determinata dal numero di posti letto alberghieri e numero di stanze disponibili in abitazioni non occupate, esistente e di nuova previsione, superiore alla popolazione residente;

e) Comuni per i quali i Piani Territoriali, aventi natura ed effetti di cui all'art. n. 4 e all'art. n. 8 della LR 15 aprile 1975, n. 51, prevedono nuovi sviluppi residenziali e turistici ricettivi, la dotazione minima complessiva delle aree destinate a standard comunale è di 18 mq per abitante.

Il modulo funzionale di cui al comma precedente è costituito da una dotazione minima di attrezzature relative a: centro civico, attrezzature religiose, campo sportivo, ambulatorio, area mercato; tale dotazione può essere ulteriormente precisata dal Piano Territoriale Regionale. >>.


TP