REGIONE LOMBARDIA L.R. n. 47, 12-09-1986

PROMOZIONE DEI SERVIZI DI SVILUPPO AGRICOLO

BUR n. 38 del 17 settembre 1986

Supplemento Ordinario n. 1, 17 settembre 1986


IL CONSIGLIO REGIONALE

ha approvato

IL COMMISSARIO DEL GOVERNO

ha apposto il visto

IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE

promulga

la seguente Legge Regionale

[...]

ARTICOLO 3

Testo modificato da:

L.R. Lombardia n. 7 del 1987

(Consulta regionale per i servizi di sviluppo agricolo e forestale)

1. Presso la Giunta regionale è istituita la consulta regionale per i servizi di sviluppo agricolo e forestale con il compito di fornire alla giunta regionale indicazioni per l'elaborazione del piano regionale di cui al precedente art. 2.


2. La consulta è presieduta dall'assessore regionale all'agricoltura e foreste o da un suo delegato, ed è composta da:

a) gli assessori provinciali all'agricoltura e i rappresentanti dei consorzi comprensoriali di Lecco e Lodi;

b) i presidenti regionali delle organizzazioni professionali agricole maggiormente rappresentative a livello nazionale operanti su tutto il territorio regionale, o i loro delegati;

c) il presidente regionale del comitato delle unioni delle associazioni dei produttori, o il suo delegato;

d) il presidente dell'ente regionale di sviluppo agricolo ( ERSAL);

e) il presidente dell' azienda regionale delle foreste;

f) i presidenti delle organizzazioni cooperative maggiormente rappresentative a livello regionale;

g) un rappresentante delle organizzazioni dei lavoratori agricoli maggiormente rappresentative a livello regionale;

h) i direttori degli enti ed istituti tecnico – scientifici, operanti in campo agricolo, designati dalla giunta regionale;

i) i presidi delle facoltà di scienze agrarie e di veterinaria dell'Università Statale degli Studi di Milano, il preside della facoltà di agraria dell'Università Cattolica del Sacro Cuore di Piacenza e il preside della facoltà di scienze matematiche, fisiche e naturali della Università di Pavia, o i loro delegati, nonché i rappresentanti degli organismi di ricerca del Consiglio Nazionale delle Ricerche, dell'ENEA e del Ministero Agricoltura e Foreste aventi sede in Lombardia, designati dai rispettivi enti;

l) il presidente dell'associazione regionale allevatori, o il suo delegato;

m) il presidente dell'associazione regionale dei consorzi di bonifica, o il suo delegato;

n) i presidenti degli organismi di coordinamento regionale degli ordini, collegi e albi professionali degli agronomi e forestali, dei periti agrari, dei veterinari, dei geometri, degli agrotecnici o loro delegati.


3. La consulta è nominata dal presidente della giunta regionale, o dall'assessore competente se delegato.


4. Il presidente della consulta può chiamare, di volta in volta, a partecipare alle riunioni i funzionari regionali, che sono obbligati a partecipare, e gli esperti che riterrà opportuno in relazione agli argomenti all'ordine del giorno.


5. La consulta dura in carica cinque anni.


TP