REGIONE SICILIA L.R. n. 92 DEL 5-08-1982
Nuove norme in materia di fornitura gratuita di libri di testo scolastici.
BUR SICILIA N. 36 del 14 agosto 1982

ARTICOLO 1
La Regione siciliana concorre al pagamento degli interessi su anticipazioni bancarie concesse limitatamente a giorni 120 da parte degli istituti di credito gestori del servizio di cassa della Regione siciliana alle imprese commerciali che esercitano l' attività di vendita di testi scolastici nel territorio della Regione siciliana.
Tali anticipazioni sono concesse a fronte del presunto credito vantato dagli operatori commerciali nei confronti degli enti preposti al pagamento dei << buoni libro >> e sono commisurate all' 85 per cento dell' ammontare del fatturato relativo alla campagna scolastica dell' anno precedente.

ARTICOLO 2
Gli istituti di credito di cui al precedente articolo applicano alle operazioni di anticipazioni previste dalla presente legge un tasso non superiore al prime rate Associazione bancaria italiana vigente al momento della concessione della facilitazione.
Il contributo regionale in conto interessi viene corrisposto dall' Assessorato regionale del bilancio e delle finanze direttamente agli Istituti di credito, dietro richiesta degli stessi corredata dagli estratti conto redatti dai predetti istituti e controfirmati dagli operatori commerciali, ponendo a carico di questi ultimi il tasso del 4,50 per cento e la differenza a carico della Regione.

ARTICOLO 3
Ai fini della richiesta della facilitazione di cui all' art. 1 le imprese commerciali sono tenute a produrre all' istituto prescelto, oltre alla domanda di anticipazione corredata dalla documentazione che l' istituto stesso potrà richiedere, anche apposita attestazione dell' ente che dovrà effettuare il pagamento dei " buoni libro", a comprova dell' entità del credito dell' impresa commerciale.
L'attestazione, che potrà essere rilasciata dall' ente dopo l' acquisizione dei " buoni libro", dovrà anche contenere l' impegno dell' ente stesso a versare all' istituto di credito l' intero ammontare di quanto dovuto all' impresa commerciale a fronte dei " buoni libro" prodotti, restando a cura dell' istituto di credito l'esecuzione dei necessari conguagli nei confronti dell' impresa commerciale che ha fruito dell' anticipazione.

ARTICOLO 4
Per le finalità della presente legge, è autorizzata per l' anno finanziario 1982 la spesa complessiva di lire 350 milioni che trova riscontro nel bilancio pluriennale della Regione, elemento di programma 6.2.2.4.: " Fondi destinati al finanziamento dei " progetti prioritari" previsti dal " Quadro di riferimento della programmazione regionale e piano per l' impiego delle risorse nel periodo 1982- 84", progetto " Iniziative legislative conformi agli indirizzi di piano per far fronte a nuovi progetti" >>.
Al relativo onere si provvede con parte delle disponibilità del cap. 21257 del bilancio della Regione per l' anno finanziario medesimo.
Per gli anni successivi l' onere sarà determinato in relazione a quanto stabilito dall' art. 7, secondo comma, della legge regionale 8 luglio 1977, n. 47.

ARTICOLO 5
La presente legge sarà pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana.
E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della Regione.
Palermo, 5 agosto 1982.