REGIONE SICILIA L.R. n. 4, 8-01-1996
Norme transitorie per l' accelerazione delle procedure nel settore dei lavori pubblici. Disposizioni varie in materia di lavori pubblici.
BUR SICILIA N. 2 del 9 gennaio 1996

Riferimenti Normativi PASSIVI
TESTO MODIFICATO da: Legge Regionale SICILIA Numero 22 del 1996

TITOLO I
Sull' accelerazione delle procedure nel settore dei lavori pubblici. Modificazioni alla vigente legislazione

ARTICOLO 2
Disposizioni sulla programmazione di opere pubbliche 1. All' articolo 3 della legge regionale 29 aprile 1985, n. 21, come sostituito dall' articolo 18 della legge regionale 12 gennaio 1993, n. 10, sono apportate le seguenti modifiche:
a) l' ultimo periodo del comma 2 è così sostituito:
<< Restano esclusi dai programmi gli interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria, nonchè in ogni caso, le opere di cui agli articoli 38, 38 bis e 39 >>;
b) il comma 3 è sostituito dal seguente:
<< 3. Il progetto di programma è reso pubblico, mediante affissione nella sede dell' ente per almeno dieci giorni consecutivi. Chiunque, entro venti giorni dalla data di pubblicazione, può formulare sul progetto osservazioni e proposte, sulle quali l' organo competente si pronuncia >>;
c) nel comma 4 le parole: << trenta giorni >> sono sostituite con le seguenti: << quindici giorni >>;
d) nel comma 6 le parole: << cartografia su scala non inferiore a 1: 10.000 >> sono sostituite con le seguenti:
<< cartografia su scala adeguata >>;
e) al comma 12 è aggiunto, alla fine, il seguente periodo:
<< In casi di particolare urgenza gli enti possono derogare all' ordine di priorità generale, con voto favorevole dell' organo deliberante dell' ente, purchè sia in ogni caso rispettato l' ordine relativo al settore d' intervento >>.
2. Per i programmi triennali di opere pubbliche, di cui all' articolo 3 della legge regionale 29 aprile 1985, n. 21, e successive modifiche ed integrazioni, relativi ad enti di culto e formazione religiosa, nonchè ad istituti pubblici di assistenza e beneficienza, non va redatta la relazione generale di cui al comma 6 del citato articolo 3.
3. Nell' articolo 32, comma 2, della legge 8 giugno 1990, n. 142, così come introdotto dall' articolo 1, comma 1, lettera e), della legge regionale 11 dicembre 1991, n. 48, al punto b), dopo le parole: << i piani finanziari >> aggiungere le seguenti: << ad esclusione di quelli riguardanti singole opere pubbliche >>.
4. I commi 3 e 4 dell' articolo 3 della legge regionale 29 aprile 1985, n. 21, nel testo risultante dall' articolo 18 della legge regionale 12 gennaio 1993, n. 10, trovano applicazione ad iniziare dai programmi triennali delle opere pubbliche relativi all' esercizio finanziario 1997.
5. Nel comma 8 dell' articolo 3 della legge regionale 29 aprile 1985, n. 21 e successive modifiche ed integrazioni l' ultimo periodo è così sostituito: << Le modifiche richiedono il voto favorevole della maggioranza assoluta dei presenti nella seduta dell' organo deliberante >>.
6. In deroga al disposto dell' articolo 3, comma 1, della legge regionale 29 aprile 1985, n. 21 e successive modifiche ed integrazioni, per l' anno finanziario 1996 i programmi triennali delle opere pubbliche sono adottati, anche separatamente dall' approvazione del bilancio di previsione, entro il 31 gennaio 1996.
7. I programmi triennali delle opere pubbliche per l' anno 1996 possono includere, oltre alle opere munite di progetto preliminare ai sensi dell' articolo 5, secondo comma, della legge regionale 29 aprile 1985, n. 21, come sostituito dall' articolo 22 della legge regionale 12 gennaio 1993, n. 10, anche opere munite di progetto già tecnicamente approvato come progetto esecutivo ai sensi della disciplina vigente prima dell' entrata in vigore della legge regionale 12 gennaio 1993, n. 10.
8. Le disposizioni di cui all' articolo 150 della legge regionale 1 settembre 1993, n. 25, come modificato dall' articolo 8 della legge regionale 7 giugno 1994, n. 19, sono estese ai programmi regionali di finanziamento per l' anno 1996.
9. Al comma 11 dell' articolo 3 della legge regionale 29 aprile 1985, n. 21 dopo le parole: << enti locali >> aggiungere le parole: << e degli enti gestori delle aree naturali protette >>.
10. Il comma 11 dell' articolo 3 della legge regionale 29 aprile 1985, n. 21 come sostituito dall' articolo 19 della legge regionale 12 gennaio 1993, n. 10 è sostituito dal seguente:
<< 11. Al compimento dell' intera opera entro i termini contrattuali, i fondi residui, destinati originariamente alla realizzazione della stessa ed economizzati, affluiscono al fondo di riserva, di cui all' articolo 8 del decreto legislativo 25 febbraio 1995, n. 77, del bilancio dell' amministrazione aggiudicatrice. Se i fondi provengono da risorse regionali, il suddetto trasferimento è effettuato contestualmente nello stesso decreto di approvazione della rendicontazione finale >>.

Riferimenti Normativi ATTIVI
MODIFICA TESTUALE: Legge Regionale SICILIA Numero 21 del 1985 Articolo 3
MODIFICA TESTUALE: Legge Statale Numero 142 del 1990 Articolo 32
MODIFICA TESTUALE: Legge Regionale SICILIA Numero 21 del 1985 Articolo 4
MODIFICA TESTUALE:Legge Regionale SICILIA Numero 21 del 1985 Articolo 4

[…]