REGIONE TOSCANA L. R. n. 38, 10-05-1996


INTERVENTI INDIFFERIBILI E URGENTI SU BENI IMMOBILI DEL PATRIMONIO ARCHITETTONICO DELLA TOSCANA


BUR TOSCANA n. 28 del 20 maggio 1996





ARTICOLO 1


Autorizzazioni di spesa


1. Per consentire la immediata attivazione di lavori indifferibili e urgenti motivati da rischi di degrado irreparabile degli edifici, di crolli delle strutture e di pericoli per la pubblica incolumità sono disposte le seguenti autorizzazioni di spesa:

a) lire 460 milioni a favore del Comune di Cortona, a titolo di contributo, per consolidamenti strutturali alla Chiesa di San Francesco;

b) lire 220 milioni a favore del Comune di Castell' Azzara, a titolo di contributo, per lavori alla Villa Sforzesca;

c) lire 250 milioni a favore del Comune di Monterotondo Marittimo, a titolo di contributo, per lavori alla Chiesa parrocchiale;

d) lire 1.000 milioni a favore del Comune di Aulla, a titolo di contributo, per lavori relativi alle antiche mura;

e) lire 460 milioni a favore del Comune di San Gimignano, a titolo di contributo, per interventi di consolidamento, monitoraggio e tutela della cinta muraria e delle torri;

f) lire 2.000 milioni a favore del Comune di San Quirico d' Orcia, a titolo di contributo, per interventi finalizzati al recupero del Palazzo Chigi - Zondadari.


ARTICOLO 2


Termini


1. Per l' ottenimento dei contributi i Comuni sono tenuti ad avviare le opere finanziate dalle autorizzazioni di spesa disposte dall' art. 1 e a completare i relativi lavori rispettivamente entro 30 e 210 giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge.


ARTICOLO 3


Erogazione dei contributi


1. La Giunta regionale provvede alla verifica di quanto disposto all' art. 2 e ai conseguenti atti di liquidazione dei contributi nel modo seguente:

a) fino al 90 degli importi indicati all' art. su richiesta di erogazione da parte del Comune interessato:

b) il saldo del 10% al ricevimento del certificato di avvenuta e regolare esecuzione delle opere emesso dal Comune interessato.

2. In caso di inadempimenti o ritardi rispetto agli obblighi e ai termini fissati dall' art. 2 la Giunta regionale dispone la revoca anche parziale dei contributi disposti dall' art. 1.

3. I contributi di cui all' art. 1 sono soggetti agli obblighi di rendicontazione di cui all' art. 112 del DLgs 25 febbraio 1995, n. 77.



ARTICOLO 4


Norma finanziaria


1. Agli oneri di spesa per complessivi 4.390 milioni derivanti dalla presente legge, si fa fronte con il finanziamento di pari importo stanziato al Capº 16050 del Bilancio 1996, che presenta la necessaria disponibilità .

La presente legge è pubblicata sul Bollettino Ufficiale della Regione. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e farla osservare come legge della Regione Toscana.

La presente legge dichiarata urgente ai sensi dell' art. 28 dello Statuto e dell' art. 127 della Costituzione entra in vigore il giorno stesso della sua pubblicazione.

Firenze, 10 maggio 1996

La presente legge è stata approvata dal Consiglio regionale il 2 aprile 1996 ed è stata vistata dal Commissario del Governo il 2 maggio 1996.









FB