REGIONE TOSCANA L. R. n. 28, 7-02-2005



CODICE DEL COMMERCIO. TESTO UNICO IN MATERIA DI COMMERCIO IN SEDE FISSA, SU AREE PUBBLICHE, SOMMINISTRAZIONE DI ALIMENTI E BEVANDE, VENDITA DI STAMPA QUOTIDIANA E PERIODICA E DISTRIBUZIONE DI CARBURANTI.



BUR TOSCANA n. 11 del 10 febbraio 2005





[...]



Capo VI

Somministrazione di alimenti e bevande



ARTICOLO 45


Attività temporanea


1. In occasione di riunioni straordinarie di persone, l’attività temporanea di somministrazione di alimenti e bevande è soggetta a denuncia di inizio di attività, ai sensi degli articoli 58 e 59 della l.r. 9/1995, al comune sul cui territorio l’attività si svolge e può essere effettuata dalla data di ricevimento della denuncia.

2. L’attività di somministrazione di cui al comma 1 può essere esercitata limitatamente alla durata della manifestazione ed ai locali o aree cui si riferisce e solo se il richiedente risulta in possesso dei requisiti di cui agli articoli 13 e 14 o se designa un responsabile in possesso dei medesimi requisiti, incaricato di gestire l’attività di somministrazione.

3. L’attività di somministrazione di cui al comma 1 non è soggetta al rispetto della normativa vigente in materia di destinazione d'uso dei locali, delle aree e degli edifici.

4. Per lo svolgimento delle attività di somministrazione di cui al comma 1, nell’ambito di manifestazioni a carattere religioso, benefico o politico, è richiesto esclusivamente il possesso dei requisiti di onorabilità di cui all’articolo 13, nonché il rispetto delle norme igienico-sanitarie e di quelle in materia di sicurezza.

5. Il comune, previa concertazione con le parti sociali interessate, redige il calendario-programma annuale delle manifestazioni ricorrenti.



[...]



FB