REGIONE TOSCANA L.R. n. 36, 9-04-1990

PROMOZIONE E SVILUPPO DELL' ASSOCIAZIONISMO.

BUR TOSCANA n. 25 del 18 aprile 1990



Legge abrogata da:

L.R. Toscana n. 42 del 2002, art. 21



ARTICOLO 1

Finalità

1. La Regione riconosce e promuove il pluralismoassociativo quale fondamentale espressione e fattore di libertà , di solidarietà , di progresso civile ed economico.

2. Nell' ambito delle competenze e dei principi statutari, valorizza in particolare la funzione di promozione sociale, di servizio e di innovazione perseguita dalle libere associazioni costituite senza

scopo di lucro ed aventi finalità  sociali, culturali, scientifiche, educative, sportive, ricreative, turistiche naturali, di protezione ambientale e di salvaguardia del patrimonio storico, culturale, artistico.

3. La Regione favorisce inoltre il ruolo degli Enti locali nella diffusione e valorizzazione delle realtà associative di ogni ispirazione ideale, culturale, etnica e religiosa, che concorrono alla vita

democratica.

4. Le associazioni che presentano i requisiti peevisti dalla legge regionale 7 maggio 1985, n. 58 sono esclusi dalla disciplina della presente legge.

5. Le associazioni pro loco di cui alla legge regionale 23 febbraio 1988, n. 9, art. 2, escluse dalla disciplina della presente legge, sono disciplinate da apposita legge regionale.



[...]

FB