REGIONE UMBRIA L.R. 24-08-1978, n. 44 [1]
Norme transitorie per l'applicazione del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616, nel settore dell'assistenza scolastica.
B.U.R. UMBRIA 30-08-1978, n. 36

Note:
1 G.U. 6 ottobre 1978, n. 280.

Art. 1
Le funzioni amministrative in materia di assistenza scolastica nella scuola dell'obbligo, negli istituti e scuole di istruzione secondaria superiore e artistica e nelle istituzioni di educazione popolare, già delegate ai comuni con la legge regionale 22 ottobre 1973, n. 36 e trasferite direttamente ai comuni stessi con decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616, nonchè quelle concernenti l'assistenza scolastica nella scuola materna, sono esercitate secondo i principi e le norme stabiliti dalla legislazione regionale attualmente vigente nel settore, tenuto conto della programmazione effettuata dai distretti scolastici.
I comuni devono altresì tendere a unificare, laddove possibile, i servizi di assistenza scolastica con quelli già organizzati ai sensi della legge regionale 14 novembre 1974, n. 57, e successive modifiche e integrazioni.
Le funzioni concernenti l'assistenza medico-psichica e l'assistenza ai minorati psico-fisici di cui all'art. 42 comma secondo del decreto del Presidente della Repubblica 24 luglio 1977, n. 616 sono svolte dai comuni associati nei consorzi secondo i principi stabiliti dalla legge regionale 14 novembre 1974, n. 57 e successive modifiche ed integrazioni.

Art. 2
Per la ripartizione dei fondi stanziati nel bilancio regionale relativi alle materie di cui all'articolo precedente, la Regione applicherà i criteri di cui alla citata legge 22 ottobre 1973, n. 36 ed alla legge regionale 13 dicembre 1973, n. 45.
La presente legge regionale sarà pubblicata nel Bollettino ufficiale della Regione. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge della regione Umbria.