REGIONE VENETO L.R. n. 19, 30-07-1991

ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DEL COMITATO REGIONALE DI CONTROLLO

BUR n. 68 del 2 agosto 1991


Testo modificato da:

L.R. Veneto n. 37 del 1997, art. 8

Legge abrogata da:

L.R. Veneto n. 18 del 1999, art. 29


Il Consiglio Regionale ha approvato.

Il Commissario del Governo ha

apposto il visto.

Il Presidente della Giunta

Regionale promulga la seguente legge


TITOLO I

Organizzazione

[...]

ARTICOLO 2

Competenze del Comitato regionale di controllo

1. La Sezione centrale esercita l'attività di controllo sugli atti della Città metropolitana, delle province, dei consorzi a partecipazione provinciale e delle Unità locali socio – sanitarie.


2. Le Sezioni provinciali esercitano l'attività di controllo sugli atti dei comuni, dei consorzi di comuni, delle unioni tra comuni, delle comunità montane e delle Ipab aventi sede nel territorio provinciale.


[...]

TITOLO IV

Controllo sulle istituzioni pubbliche di assistenza e beneficienza (Ipab)

ARTICOLO 34

Testo modificato da:

L.R. Veneto n. 37 del 1997, art. 8

Controllo sugli atti delle Ipab

1. Il controllo di legittimità sugli atti delle Ipab si svolge esclusivamente sulle deliberazioni concernenti:

a) bilanci e conti consuntivi;

b) regolamenti;

c) piante organiche, relativi ampliamenti e trasformazioni, disciplina dello stato giuridico e delle assunzioni del personale;

d) acquisti e alienazioni immobiliari, nonché relative permute;

e) locazioni e conduzioni di immobili per un periodo eccedente i nove anni;

f) atti comportanti spese annuali per un valore superiore a L. 50 milioni, o spese pluriennali per un valore complessivo superiore a L. 70 milioni;

g) trasformazioni o diminuzioni di patrimonio per un valore superiore a L. 50 milioni.


2. Per il procedimento di controllo e l'invio degli atti, si osservano le disposizioni di cui alla presente legge.



TP